Fragola in Fuori suolo con un substrato di Perlite e Fibra di Cocco, in Sardegna



Post

L'azienda Agricola Pirisi può contare su un totale di 16 ettari di superficie coltivata, di cui 2,7 in serra ed i restanti in campo aperto. In campo aperto si coltivano carote, patate, meloni, pomodori e fragole.
Delle superfici in serra, con strutture in Multi-Tunnel, 3.400 mq sono destinati per la coltura del pomodoro in Fuori Suolo e altri 3.400 mq per la coltura della Fragola in Fuori Suolo.
"Il nostro obiettivo - ci spiega il titolare Tonino Pirisi - è quello di raggiungere livelli eccellenti per quanto riguarda la qualità della fragola e risparmiare sui costi per la manodopera da utilizzare per la raccolta. A tal fine abbiamo, già da diversi anni impostato la coltura del pomodoro in fuori suolo, ma gradualmente, con la fragola in Perlite e Fibra di Cocco miscelata nel sacco AGRIPAN della Perlite Italiana, pensiamo di convertire altre superfici al sistema di produzione fuori suolo che, oltre ad migliorare la produzione, consente anche di avere una gestione idrico-nutrizionale più facilmente controllabile.
"Coltiviamo diversi tipi di prodotti - ha aggiunto Tonino Pirisi - e quelli che ci fanno registrare numeri importanti sono sicuramente le colture in serra, come i pomodori in fuori suolo ed ora le fragole. E' il primo anno che facciamo la fragola in Fuori Suolo, dopo anni di esperienza in pieno campo, e dopo l'esperienza con il pomodoro in Fuori Suolo.
Per la coltivazione della Fragola in Fuori Suolo abbiamo deciso di utilizzare piante fresche, tutte di varietà Sabrina, Nabile e Sara e di utilizzare il sacchetto della Perlite Italiana Agripan C50 da 27l contenente un substrato composto da un 50% fibra di cocco e 50% perlite, della lunghezza di 1m che permette di coltivare sino a 9 piante/m lineare eseguendo una disposizione a triangolo, dietro consiglio di un tecnico specialista, che ci ha consigliato e ci fornisce la consulenza necessaria per la sua gestione.
L'utilizzo del sacchetto AGRIPAN ci ha permesso di migliorare la gestione del drenaggio - aggiunge il Sig. Tonino Pirisi - e ha reso più semplice e performante la gestione della coltura, con una migliore performance rispetto alla lunga esperienza che avevamo con la fibra di cocco in anni di coltivazione del pomodoro.
Il trapianto è stato realizzato ad ottobre, con circa 30.000 piante, le raccolte sono iniziate a metà febbraio per finire a fine maggio, raggiungendo una resa di circa 700-800 gr/pianta.
La nutrizione e l'irrigazione vengono gestite attraverso un banco di fertirrigazione, durante la stagione primaverile si raggiungono sino a 6-8 interventi di fertirrigazione al giorno per una durata di 2-4 min/cad.
Generalmente la conducibilità elettrica varia da 1400 a 1800 µS/cm a seconda della temperatura ambientale: conducibilità minore con una temperatura >30°C e conducibilità maggiore con una temperatura <25°C.
L'analisi chimica dell'acqua del pozzo, purtroppo è caratterizzata da una EC di circa 1.200 µS/cm, valore troppo elevato per la coltura della fragola, ed inoltre riportava valori di Cloruri e Sodio non accettabili. Tipologia di acqua buona per il pomodoro, ma per la fragola - come ci evidenza il sig Pirisi - il tecnico ci ha consigliato di raccogliere l'acqua piovana in un piccolo lago, e quando disponibile, di utilizzare anche l'acqua del Consorzio irriguo, che da aprile ad ottobre, ci rifornisce di acqua, con valori di EC pari a circa 400 µS/cm, sicuramente adatti a questo tipo di coltivazione.
Attraverso un punto di controllo in cui si raccoglie l'acqua che drena dal sacchetto, si determinano i volumi di irrigazione cercando di mantenere il volume di drenato intorno ad un 30% del volume totale dell'irrigazione giornaliera.
"Stiamo investendo molto in questa tecnica - ha concluso Pirisi - finora la tecnica del Fuori Suolo ci ha portato risultati positivi. Ci auguriamo di poter incrementare le superfici e realizzare nuovi investimenti.
Azienda Agricola Pirisi - 09092-Arborea (Oristano

AGRIPAN COCCO PERLITE

Grow bags speciali sacchetti con substrati a base perlite espansa di granulometria calibrata e fibra di cocco in miscele di proporzioni variabili, per la coltivazione di specie orticole, floricole e frutticole con il metodo del fuori suolo. Garantisce buoni scambi gassosi e drenaggio, e allo stesso tempo una adeguata riserva nutrizionale e l'effetto tampone, utile alla partenza della giovane pianta, consentendo una rapida correzione di eventuali errori nell'apporto degli elementi nutritivi.
Perlite Italiana Srl - Via Alzaia Trento, 7 - 20094 Corsico ( Milano )
tel. +39 02 4407041 | fax +39 02 4401861
Web: http://www.perlite.it/it/agricoltura - Mail: info.com@perlite.it