CONCIANTI ORGANICI MULTIFUNZIONALI PER SEMENTI



Post

Ridurre i costi delle colture è sempre stata, ed ancor più lo è ora, una strada obbligata per tutti gli operatori agricoli. Tra le varie strade possibili per ridurre i costi vi è quella della concia delle sementi, con specifici concianti.

I concianti tradizionali sono finalizzati ad un unico obiettivo che, generalmente, è la protezione delle piante o dei frutti da patogeni o quella da insetti fitofagi, senza essere in grado di esercitare altre attività benefiche (anzi,talvolta, possono creare qualche danno collaterale).
Viceversa, i Concianti Organici Multifunzionali, essendo basati su consorzi di microrganismi vivi sinergici, possono svolgere, come fanno tutti gli esseri viventi, oltre ad una funzione principale, altre funzioni collaterali benefiche. Quindi sono “Multifunzionali”.

Technelep, con la collaborazione di Evergreenbios, ha messo a punto una gamma di concianti  a base di microflora utile, utilizzabili in qualsiasi tipologia di agricoltura, che sono in grado di assicurare: la sanità della pianta, il massimo utilizzo dei nutrienti (fosforo retrogradato ed azoto atmosferico inclusi), il massimo sviluppo possibile della pianta, con conseguente accorciamento della durata del ciclo produttivo, mirando anche a ridurre o minimizzare la presenza di micotossine sui raccolti. Tutto questo, grazie alla presenza nei Concianti Organici Multifunzionali di consorzi batterici sinergici, anche endofiti, con varie attività benefiche.
Attualmente i Concianti Organici Multifunzionali disponibili sono: Seed Health; Wheat&Cerealspower; Rice Power, Seed Power, Soja Power.

Il maggior vantaggio economico consentito dai concianti in generale è sicuramente per le colture in pieno campo. Per i Concianti Organici Multifunzionali il vantaggio economico è comunque apprezzabile anche nelle colture protette.

Un vantaggio secondario consentito dai Concianti Organici Multifunzionali di Technelep-Evergreenbios, per le aziende che effettuano la concia industriale, è costituito dalla possibilità di vendere ai produttori di mangimi eventuali sementi conciate invendute, anziché doverle smaltire come rifiuti.